Il GPR

 

Il georadar o GPR (da Ground Penetrating Radar) è uno strumento per guardare sottoterra o all’interno di strutture come murature, colonne, pilastri o anche statue o piedistalli.

Gli aspetti tecnici in relazione a questa strumentazione sono molteplici e costituiscono l’oggetto di principale interesse dell’Associazione, che si propone come un interlocutore su queste tematiche per professionisti, utenti, committenti, ricercatori, studenti e possibilmente per il legislatore in materia a livello nazionale.

L’Associazione persegue questi obiettivi mediante la pubblicazione on line di standard della performance in relazione a singole applicazioni (imaging di tubi sepolti, ricostruzione di scenari archeologici, identificazione di particolari caratteristiche dello scenario sepolto a fini di ingegneria civile etc.), di scuole e seminari, di video lezioni che restino on line a disposizione dei membri, dell’effettuazione di possibili studi specifici. Tutto questo al fine della diffusione di buone pratiche e di comportamenti eticamente corretti nell’ambito delle prospezioni, che non possono che nascere da una minima consapevolezza delle specifiche tecnicalità, della possibilità in termini di performances ottenibili e conseguentemente anche dei limiti fisici (prima ancora che tecnologici) della strumentazione in esame.

In particolare, sono oggetto di interesse per l’Associazione tutti gli aspetti riguardanti:

 

  • La raccolta dei dati
  • Le caratteristiche del suolo o del mezzo investigato
  • L’elaborazione dei dati
  • L’interpretazione dei dati
  • L’hardware dei sistemi
  • Le specificità delle singole applicazioni
  • Le tecniche di prospezione integrata

 

L’Associazione si pone e propone un’investigazione multilivello e all’occorrenza multidisciplinare degli aspetti tecnici in questione, in modo da presentare una proposta culturale e professionale diversificata in grado di venire incontro alle diverse esperienze personali ed alle diverse esigenze lavorative degli interlocutori coinvolti.